24 settembre 2016. Infame è una brutta parola. Roma capoccia der monno ‘nfame Il giorno della partenza si avvicina e gli allenamenti si intensificano. Chissà che cosa potrà produrre l’incontro al vertice di oggi delle due cariche e competenze, Presidente del Consiglio e Presidente della regione Sicilia. Niente di meglio se nel tuo lungo camminare puoi ammirare le meraviglie di una città straordinaria piena di segreti, storia e sapori che non hanno eguali al mondo. di Simonetta Greganti Law . Wie fair Rom, wenn es Abend wenn der Mond, wenn in ar Fontanone reflektiert und die Paare gehen weg, wie schön Sie sind Roma, wenn es regnet. Roma capoccia der monno infame: debito più alto della Sicilia. Roma capoccia der monno infame. vedo la maestà der Colosseo vedo la santità der cupolone, e so' piu' vivo e so' più bbono no nun te lasso mai Roma capoccia der mondo infame, Roma capoccia der mondo infame. io t’ho scoperta, stamattina. der monno infame. io t'ho scoperta, stamattina. Di ilsimplicissimus. Roma la grande, la bella, la romantica e maestosa Urbe, ma anche la … Oggi me sembra che er tempo se sia fermato qui. Na carrozzella va co' du' stranieri, Un robivecchi te chiede un po' de stracci, Li passeracci so' usignoli, io ce so' nato, Roma, Io t'ho scoperta, stamattina. Il Comune di Roma andava sciolto, già dalla prima indagine su "Mafia Capitale". “Roma capoccia der monno infame…”. Oggi me sembra che er tempo se sia fermato qui. Roma capoccia der monno infame. Anch’io, come Venditti, “ce so’ nato a Roma” ma “er tempo non s’è fermato”, i cambiamenti sono stati troppi e tristi. Personaggio inventato Vedo la maestà der Colosseo, vedo la santità der Cuppolone, Vedo la maestà der Colosseo, vedo la santità der Cuppolone, e so' più vivo, e so' più bono, no, nun te lasso mai, Roma capoccia der monno infame. Oggi me sembra che er tempo se sia fermato qui. Da quella canzone capivo che Roma era una bella città, anche se mi turbava il finale della canzone, che dice «Roma capoccia der monno infame». Passano gli anni, ma quel che cantava un giovanissimo Venditti è sempre più attuale. Quanto sei bella Roma quand'e' er tramonto quando l'arancio rosseggia ancora sui sette colli e le finestre so' tanti occhi, che te sembrano dì: quanto sei bella. Ah, quanto sei bella. Vedo la maestà der Colosseo, vedo la santità der Cuppolone, e so' più vivo, e so' più bono, no, nun te lasso mai, Roma capoccia der monno infame. L'autore l'aveva composta all'età di 14 anni, qualche anno dopo aveva presentato il brano ad un provino al Folkstudio insieme a Sora Rosa e Viva Mao e infine nel 1972 il brano fu inserito nell'album Theorius Campus, esordio suo e di Francesco De Gregori. Na carrozzella va co' du' stranieri, un robivecchi te chiede un po' de stracci, li passeracci so' usignoli, io ce so' nato, Roma, io t'ho scoperta, stamattina. Mi piace: 204. Na carrozzella va co ' du ' stranieri, un rubbivecchi te chiede un po' de stracci, li passeracci so ' usignoli, io ce so' nato, Roma, io t'ho scoperta, stamattina. Un quadro desolante che tende a … Anna Lombroso per il Simplicissimus. Na carrozzella va co' du' stranieri, un robivecchi te chiede un po' de stracci, li passeracci so' usignoli, io ce so' nato, Roma, io t'ho scoperta, stamattina. Oggi me sembra che er tempo se sia fermato qui. 203 likes. Quello che invece c’è ed è più forte che mai, è […] Quanto sei bella Roma quann'è er tramonto, Quando l'arancia rosseggia ancora sui sette colli E le finestre so' tanti occhi Che te sembrano dì: quanto sei bella! Roma capoccia der monno infame. Vedo la maestà der Colosseo, Attorno alla Roma del calcio di infame non c’è nulla e, a voler essere pignoli e precisi, non c’è nulla nemmeno attorno. Oggi me sembra che er tempo se sia fermato qui. Vedo la maestà der Colosseo, vedo la santità der Cuppolone, Roma capoccia der monno infame Roma capoccia der monno infame Na carrozzella va co' du' stranieri, un robivecchi te chiede un po' de stracci, li passeracci so' usignoli, io ce so' nato, Roma, io t'ho scoperta, stamattina. Roma capoccia der monno infame. Vedo la maestà der Colosseo, vedo la santità der Cuppolone, e so' più vivo, e so' più bono, no, nun te lasso mai, Roma capoccia der monno infame. Roma capoccia der monno infame. Roma capoccia. In realtà quell’ombra … Vedo la maestà der Colosseo, Vedo la santità der Cuppolone, E so' più vivo, e so' più bono, no, nun te lasso mai, Na carrozzella va, du' stranieri, un rubivecchi te chiede un po' de stracci, li passeracci so' usignoli, io ce so' nato, Roma, io t'ho scoperta, stamattina. Roma Capoccia Der Monno Nfame. Roma capoccia der monno infame. Così recitava l’adagio di una vecchia canzone di Antonello Venditti dei favolosi anni ’70. Fictional Character er tempo se sia fermato qui. Roma capoccia der monno infame. Na carrozzella va co' du' stranieri, Un robivecchi te chiede un po' de stracci, Li passeracci so' usignoli, io ce so' nato, Roma, Io t'ho scoperta, stamattina. "Roma capoccia der monno infame". er tempo se sia fermato qui. Il fango non si pulisce con i fazzolettini di carta! Na carrozzella va co' du' stranieri, un robivecchi te chiede un po' de stracci, li passeracci so' usignoli, io ce so' nato, Roma, io t'ho scoperta, stamattina. Oggi me sembra che er tempo se sia fermato qui. E della mafia? Oggi me sembra che er tempo se sia fermato qui. Uno dei testi più belli e toccanti di Antonello Venditti recitava così: “Roma capoccia del monno infame”. Vedo la maestà der Colosseo vedo la santità der Cuppolone Na carrozzella va co' du' stranieri, Un robivecchi te chiede un po' de stracci, Li passeracci so' usignoli, io ce so' nato, Roma, Io t'ho scoperta, stamattina. > Oggi me sembra che er tempo se sia fermato qui. > Na carrozzella va co' du' stranieri, > un robivecchi te chiede un po' de stracci, > li passeracci so' usignoli, io ce so' nato, Roma, > io t'ho scoperta, stamattina. 'in-fame!' Sì, proprio infame questo mondo al punto da non permetterci più di poter cantare “Quanto sei bella Roma”. > Roma capoccia der monno infame. Non capivo bene cosa volesse dire. “Roma capoccia der mondo infame” Lettera aperta alla Sindaca Virginia Raggi . Roma Capoccia Der Monno Nfame. Na carrozzella va co’ du’ stranieri, un robivecchi te chiede un po’ de stracci, li passeracci so’ usignoli, io ce so’ nato, Roma, io t’ho scoperta, stamattina. Roma capoccia der monno infame. ROMA CAPOCCIA DER MONNO INFAME. > Vedo la maestà der Colosseo, > vedo la santità der Cuppolone, Roma capoccia der monno infame. Na carrozzella va co' du' stranieri, un robivecchi te chiede un po' de stracci, li passeracci so' usignoli, io ce so' nato, Roma, io t'ho scoperta, stamattina. Sono tutti dietro, a rincorrere. Quanto sei bella Roma quann'è sera, Quando la luna se specchia dentro ar fontanone E le coppiette se ne vanno via, Quanto sei bella Roma quando piove. Oggi me sembra che er tempo se sia fermato qui. Vedo la maestà der Colosseo, Vedo la santità der Cuppolone, E so' più vivo, e so' più bono, no, nun te lasso mai, Roma capoccia è una canzone italiana scritta da Antonello Venditti ed è stato il brano che gli ha dato la notorietà. Na carrozzella va co’ du’ stranieri, un robivecchi te chiede un po’ de stracci, li passeracci so’ usignoli, io ce so’ nato, Roma, io t’ho scoperta, stamattina. Roma capoccia Antonello Venditti "Quanto sei bella Roma quand'e' sera quando la luna se specchia dentro ar fontanone e le coppiette se ne vanno via, quanto sei bella Roma quando piove. quanto sei bella! der monno infame. Oggi me sembra che er tempo se sia fermato qui. Presentato il rapporto della Caritas “La povertà a Roma – Un punto di vista – Anno 2019”. Quindi alla fine di un sacco di cose belle su Roma Venditti, mio idolo, rovesciava il senso di tutto quello che diceva gettando un’ombra appunto infame sulla città di cui parlava. quando piove. Vedo la maestà der Colosseo, vedo la santità der Cuppolone, e so' più vivo, e so' più bono, no, nun te lasso mai, E così sembra che, sulla falsariga di quei magici versi, l’incantesimo si sia realizzato.